NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sul'utilizzo dei cookie

Questa informativa sull'utilizzo dei cookie è proposta all'utente in attuazione del provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell'8 maggio 2014 "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" e nel rispetto dell'art. 13 del Codice privacy (D.Lgs. n. 196/2003). Questo sito utilizza un cookie di terze parti.  In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie si possono distinguere diverse categorie: cookie di profilazione e cookie tecnici. Questo sito utilizza esclusivamente un cookie tecnico. 

L'utente può comunque decidere se accettare o no i cookie utilizzando le impostazioni del browser. L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni. La disabilitazione del cookie tecnico può compromette l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Invece, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando i cookie.

"Caspolada al Chiaro di Luna"... nacque così...

La manifestazione Internazionale "Caspolada al Chiaro di Luna" nasce nell'anno 2001 con l'obbiettivo di promuovere l'immagine turistica del comprensorio dell'Alta Vallecamonica mediante una pratica sportiva invernale, alternativa o complementare a quelle tradizionali (sci nordico, sci alpinismo, etc.), proponendola come camminata non competitiva in notturna.

Tale pratica si effettua mediante l'utilizzo delle racchette da neve (denominate nella nostra lingua dialettale "caspe" o "caspole").
Le racchette da neve venivano impiegate già  dai nostri avi, in assenza di altre attrezzature e mezzi, per poter camminare agevolmente sui manti nevosi freschi, generati dalle copiose nevicate, dei lunghi mesi invernali.

Le racchette da neve vengono calzate ai piedi mediante un'attacco simile a quello impiegato sugli sci d'alpinismo (ovvero lasciando libero il tallone di sollevarsi ed abbassarsi, mentre resta ferma la punta del piede) e sono composte da un supporto in plastica a forma di ellisse (di varie grandezze a seconda del peso della persona che le calza) che permette di "galleggiare" sul manto nevoso; sono munite, inoltre, di ramponi d'acciaio per poter camminare in tutta sicurezza anche in presenza di ghiaccio.
E' una pratica sportiva a cui si possono avvicinare persone di ogni età  e non è necessaria alcuna preparazione atletica specifica o tecnica.

Anche se ancora poco conosciuta in Italia, è molto diffusa nei Paesi oltralpe: Francia, Svizzera, Austria; nei Paesi Scandinavi, in Canada ed in Giappone.

Tale manifestazione si svolge nel paese di Vezza d'Oglio in Alta Vallecamonica, piccolo centro adagiato in una conca incastonata fra  il Parco Nazionale dello Stelvio ed il Parco Regionale dell'Adamello.

Sin dalla prima edizione l'ente, capofila dell'organizzazione, è l'Associazione Pro Loco di Vezza d'Oglio, al cui interno, in fase di preparazione della seconda edizione, si è creato un comitato ad hoc per la gestione della manifestazione stessa (i cui componenti sono i rappresentanti delle associazioni o enti sotto menzionati), seguono, il Comune di Vezza d'Oglio, l'Unione dei Comuni dell'Alta Vallecamonica, la Comunità  Montana di Vallecamonica, il BIM di Vallecamonica e l'Assessorato allo Sport e Tempo libero della Provincia di Brescia. Il percorso si snoda dal centro del paese e si addentra nelle splendide pinete circostanti l'abitato, per una lunghezza complessiva di circa 10 km, illuminato dal chiarore della luna e delle fiaccole distribuite lungo di esso, generando uno scenario incantevole, quasi magico.

Per garantire che, lo svolgimento di tale manifestazione, avvenga nella massima sicurezza, il tracciato del percorso viene studiato accuratamente e presidiato da personale altamente qualificato, proveniente dalle associazioni o enti sotto menzionati.

A circa metà del percorso è situato un ristoro in cui sono a disposizione di tutti i partecipanti bevande calde e vi è la possibilità  di degustare i prodotti tipici della nostra zona.
L'arrivo è situato presso la struttura polifunzionale denominata "Centro Eventi Adamello", presso la quale è allestita la sala in cui viene distribuita la cena ed il premio ricordo per tutti i partecipanti, al termine della manifestazione.

Gli organizzatori, si avvalgono della preziosa ed indispensabile collaborazione dei seguenti enti ed associazioni:
- Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico
- Guide Alpine di Lombardia
- Vigili del Fuoco Volontari di Vezza d'Oglio
- Protezione Civile Comune di Incudine
- Gruppo Alpini di Vezza d'Oglio
- CSI di Vallecamonica
- Unione Sportiva di Vezza d'Oglio
- Corpo Forestale dello Stato
- Polizia Provinciale di Brescia - Settore Caccia e Pesca
- Croce Rossa Italiana - Sezione di Breno
- Alternativa Ambiente - Vezza d'Oglio

e di molte persone volontarie mosse dall'entusiasmo di offrire il proprio contributo ad una manifestazione che non solo per una notte riesce a donare profonde emozioni.

Emozioni che si rivivono ogni qual volta si rivolge lo sguardo alle splendide pinete circostanti l'abitato e la mente vola a quella sera, al chiarore quasi magico della luna, al calore emanato dai numerosi falò distribuiti lungo il percorso, al silenzio maestoso della montagna rotto a tratti dal vociare festoso della gente, agli scenari suggestivi che si aprono ad ogni passo.
Questa manifestazione ha dimostrato che, entusiasmo e passione possono generare un evento di successo e che la genuinità  e la spontaneità  della gente riesce a far rivivere profumi antichi.

Forse peccando di un poco di presunzione, possiamo ritenere che, la Manifestazione Internazionale "Caspolada al Chiaro di Luna", possa essere un tassello importante, nel grande puzzle della promozione turistica relativa all'immagine della Valle Camonica e dell'intera Provincia di Brescia.

 

I numeri della Caspolada al Chiaro di Luna:

- Anno 2001 (Iª Edizione): partecipanti n° 350
- Anno 2002 (IIª Edizione): partecipanti n° 497
- Anno 2003 (IIIª Edizione): partecipanti n° 972
- Anno 2004 - 07.02 (IVª Edizione): partecipanti n° 2.550
- Anno 2005 - 22.01 (Vª Edizione): partecipanti n° 3.500
- Anno 2006 - 04.02 (VIªEdizione): partecipanti n° 3.850
- Anno 2007 - 03.02 (VIIª Edizione): partecipanti n° 3.615
- Anno 2008 - 16.02 (VIIIª Edizione): partecipanti n° 4.085 (3.980 Non Competitiva + 105 Competitiva)
- Anno 2009 - 07.02 (IXª Edizione): partecipanti n° 4.390 (4.256 Non Competitiva + 134 Competitiva)
- Anno 2010 - 30.01 (Xª Edizione): partecipanti n° 4.489 (4.335 Non Competitiva + 154 Competitiva)
- Anno 2011 - 12.02 (XIª Edizione): partecipanti n° 4.000 (3.868 Non Competitiva + 132 Competitiva)
- Anno 2012 - 04.02 (XIIª Edizione): partecipanti n° 3.500 (3.430 Non Competitiva + 70 Competitiva)

- Anno 2013 - 26.02 (XIIIª Edizione): partecipanti n° 4.005 (3.934 Non Competitiva + 71 Competitiva)
- Anno 2014 - 08.02 (XIVª Edizione): partecipanti n° 4.202 (4.152 Non Competitiva + 50 Competitiva)
- Anno 2015 - 31.01 (XVª Edizione): partecipanti n° 4.503 (4.461 Non Competitiva + 42 Competitiva)
- Anno 2016 - 06.02 (XVIª Edizione): partecipanti n° 3.202 (3.100 Non Competitiva + 102 World Snow Shoe Championships)
- Anno 2017 - 11.02 (XVIIª Edizione): partecipanti n° 2.500
- Anno 2018 - 27.01 (XVIIIª Edizione): partecipanti n° ?????